Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente.
Leggi l'Informativa Cookie Policy completa.

Sei in possesso di una Carta del Docente o di un Buono 18App? Scopri come usarli su Maremagnum!

Libro

Gianni Francesco

DE I SALUTI DEL MATTINO, E DE LA SERA, E D' ALTRI CANTI IMPROVVISATI dal Sig. Francesco Gianni poeta pensionario di S. M. l'Imperatore e Re nell'ultima sua dimora in Genova.

Stamperia della Marina Imperiale e della Gazzetta, 1811

120,00 €

Accademia degli Erranti di Monica Vada (Torino, Italia)

Parla con il Libraio

Metodi di Pagamento

Dettagli

Anno di pubblicazione
1811
Luogo di stampa
Genova
Autore
Gianni Francesco
Editori
Stamperia della Marina Imperiale e della Gazzetta
Soggetto
Genova, Poesia
Sovracoperta
No
Copia autografata
No
Print on demand
No
Condizioni
Usato
Prima edizione
No

Descrizione

Volume in 8, brossura originale in carta azzurrina muta, frontespizio, dedicatoria del curatore dell'opera Francesco Bocci, professore di lettere nell'Accademia di Genova al Cavalier Ennio Visconti, prefazione, XXXXVII (1) 51 (1) pp. L'ampia prefazione del Prof. Bocci introduce i Ventiquattro canti poetici (ad ognuno dei dodici saluti del mattino segue il saluto della sera), improvvisati nella casa di campagna dell'Avv. Giuseppe Cambiaso, nella quale il poeta era ospitato a Genova, seguiti da alcuni carmini latini, composti dal celebre poeta improvvisatore di origine comasca Francesco Gianni (1750 - 1822), dalle doti poetiche incredibili e dalla tenace memoria, capace di improvvisare davanti al pubblico interi poemi su qualsiasi tema proposto, anche il pi arduo. Si fece rapidamente riconoscere per le sue doti a Roma e a Firenze, malgrado il fisico infelice; simpatizz per i Giacobini e per le idee rivoluzionarie, e nel 1797 a Milano conobbe Napoleone, davanti al quale si esib. Protetto da Luigi Corvetto, Presidente del Direttorio della Repubblica Ligure, si trasfer a Parigi dopo il 1800, ed ebbe una brillante collocazione dopo il 1802 e fino al termine dell'Impero anche alla corte napoleonica. Intrattenne rapporti coll'Alfieri, col Monti (con cui ebbe non poche controversie), col Casti e con tanti altri personaggi del suo tempo. Fresco esemplare a pieni margini, impresso su carta forte. Rara edizione originale, in bello stato, in barbe.