Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente.
Leggi l'Informativa Cookie Policy completa.

Sei in possesso di una Carta del Docente o di un Buono 18App? Scopri come usarli su Maremagnum!

Libro

Massimiliano Autunnale

Dizionario delle parole enantiosemiche

Robin, 2023

22,80 € 24,00 €

Robin Edizioni (Torino, Italia)

 Spedizione gratuita

Parla con il Libraio

Metodi di Pagamento

Dettagli

Anno di pubblicazione
2023
ISBN
9791254675908
Autore
Massimiliano Autunnale
Pagine
426
Collana
Robin&sons
Editori
Robin
Formato
229×150×43
Soggetto
Lingue: storia e opere generali, Dizionari tematici, Italiano
Stato di conservazione
Nuovo
Lingue
Italiano
Legatura
Brossura
Condizioni
Nuovo

Descrizione

Uno dei fenomeni più curiosi della lingua italiana è l'enantiosemia. Essa consiste nell'acquisizione di significati contrari tra loro da parte di una sola parola. Un esempio classico è ospite, che designa sia chi dà ospitalità che chi riceve ospitalità. Un altro esempio è tirare, che vale tanto gettare quanto portare a sé. I termini enantiosemici, pur costituendo una parte esigua dell'insieme lessicale, tuttavia non si riducono a una manciata e, per quanto possano apparire paradossali, hanno sempre una spiegazione glottologica. Questo dizionario contiene un alto numero di vocaboli enantiosemici, circa 350, alcuni dei quali sono quotidiani, altri arcaici e tutti quanti sorprendenti per la loro bizzarra peculiarità. Al dizionario seguono due appendici. La prima tratta delle 'voces mediae', ossia di quelle parole neutre che nell'uso hanno assunto anche una pregnanza positiva o una negativa, come successo, che in origine aveva il significato generico di fatto conseguente ma che poi ha acquisito l'accezione particolare di buona riuscita. Il secondo apparato illustra il metodo 'lucus a non lucendo', che fu impiegato talvolta dai filologi latini per spiegare antifrasticamente l'etimologia di alcune parole, come appunto 'lucus' (bosco), che deriverebbe da 'lux' (luce) perché il bosco non è luminoso.