Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente.
Leggi l'Informativa Cookie Policy completa.

Sei in possesso di una Carta del Docente o di un Buono 18App? Scopri come usarli su Maremagnum!

Stampa

JANSSONIUS Johannes

Mappa Aestivarum Insularum, alias Barmudas

1640

2350,00 €

Antiquarius Libreria (Roma, Italia)

Parla con il Libraio

Metodi di Pagamento

Dettagli

Anno di pubblicazione
1640
Luogo di stampa
Amsterdam
Formato
520x400
Incisori
JANSSONIUS Johannes
Descrizione
Palmer/Tooley, The mapping of Bermuda, plate XI.

Descrizione

Questa magnifica mappa si basa sulla relazione di John Norwood, della Bermuda Company, del 1618. Il territorio è diviso nelle originarie tribù, e nella tabella sono riportati i nomi dei primi coloni, con la relativa parte assegnata. L'isola fu scoperta nel 1515 dallo spagnolo Juan de Bernudez, che le diede il nome. Ma fu solo a partire dal naufragio del 1609 della "Sea Venture", guidata da Sir George Sommers, che l'isola venne colonizzata dagli inglesi, per diventare colonia britannica nel 1684. In omaggio all'ammiraglio, gli inglesi chiamarono l'isola Sommers o Summers Island, da qui il titolo latino di "Mappa Aestivarum Insularum". Di ulteriore interesse, la raffigurazione, nella superiore della mappa, della Virginia e di New England, mentre in basso, a sinistra, si vede la punta di Hispaniola. Una delle più più accurate e affascinanti mappe dell'epoca. Johannes Janssonius, figlio dell'editore di Arnhem Jan Janssen, sposò Elisabeth Hondius, figlia di Jodocus Hondius, ad Amsterdam nel 1612. Dopo il suo matrimonio, si stabilì in questa città come libraio ed editore di materiale cartografico. Nel 1618 si stabilì ad Amsterdam accanto alla libreria di Willem Jansz. Blaeu, entrando in una seria competizione. Le sue attività non riguardavano solo la pubblicazione di atlanti e libri, ma anche di mappe singole e un vasto commercio di libri con filiali a Francoforte, Danzica, Stoccolma, Copenaghen, Berlino, Koningsbergen, Ginevra e Lione. Nel 1631 iniziò a pubblicare atlanti insieme a Henricus Hondius. Nei primi anni 1640 Henricus Hondius lasciò l'attività di pubblicazione di atlanti completamente a Janssonius. La concorrenza con Joan Blaeu, figlio e successore di Willem, nella produzione di atlanti spinse Janssonius ad ampliare il suo Atlas Novus finalmente in un'opera di sei volumi, in cui furono inseriti un atlante marino e un atlante del Vecchio Mondo. Dopo la morte di Joannes Janssonius, il negozio e la casa editrice furono continuati dagli eredi sotto la direzione di Johannes van Waesbergen (c. 1616-1681), genero di Joannes Janssonius. Le matrici degli atlanti di Janssonius furono in seguito vendute a Schenk e Valck. Incisione in rame, coloritura coeva dei confini, in ottime condizioni.