Dansas-provenzali-xiii-secolo-appunti-genere-a4eb54fb-3396-4922-b794-b54863308a4e
  • Libreria: Libreria Medievale
  • Editore: Alinea Editrice 2006
  • EAN: 9788881257935
  • Soggetti: Musica e danza-Musica profana-Libri-Fonti

Note Bibliografiche

300 pagine. Brossura. cm 12 x 21,5. BUONE CONDIZIONI. Collana: Carrefours. Medioevo. Nel penultimo quarto del Duecento le canzoncine da ballo cortigiane conobbero un'improvvisa celebrità. Questo piccolo corpus di dansas dai toni lievi e disimpegnati rappresenta il repertorio di intrattenimento melico e coreico più in voga nelle corti dei tardo trobar provenzale. Le modalità strofiche e melodiche della tradizione occitanica furono aggiornate con le più moderne forme à refrain d'oïl che in quegli anni stavano entrando a far parte delle raccolte liriche di Adam de la Halle, Guillaume d'Amiens e Jeannot de l'Escurel. Dalla vaghezza dell'anonimia esce invece in primo piano un solo trovatore della collezione provenzale: è Guiraut d'Espanha, cantore alla corte di Carlo I d'Angiò e della sua consorte Beatrice. Il successo delle danze cortesi di Provenza, subitaneo e vivace, sopravvisse nei concorsi letterari dell'Accademia Tolosana, e perdurò per buona parte del XIV secolo con la propagazione nella Penisola Iberica, dove la dansa e le altre forme a refram furono ampiamente coltivate. Ma la freschezza e la levità delle dansas provenzali ducentesche non furono più eguagliate.

Costi di spedizione

Costi di spedizione per le spedizioni in Italia

  • Posta (tracciata) 4,90
  • Contrassegno Posta (tracciata) 7,90
  • Corriere 12,90
  • Contrassegno Corriere 17,90