I servizi di consegna nella tua area potrebbero subire ritardi. Scopri le domande più frequenti sugli ordini durante l'emergenza Covid-19

Aldo Manuzio, una storia di "carattere"

Aldo-manuzio
Aldo Manuzio nacque a Bassiano, un piccolo borgo della campagna laziale nel ducato di Sermoneta nel 1452 (o forse nel 1449-50). Dopo aver studiato a Roma, e aver vissuto a Ferrara e a Carpi, Manuzio si trasferì a Venezia, dove aprì una stamperia e cominciò a pubblicare, soprattutto classici latini e greci, a partire dal 1493. 
Fondamentali, tra le opere in greco, fu la realizzazione della prima edizione a stampa delle opere di Aristotele, soprattutto grazie alla collaborazione con l'incisore Francesco Griffo, che fece realizzare, tra l’altro, quattro serie di caratteri greci, sei di latini tondi ed il corsivo.
Nel gennaio 1496 Manuzio pubblicò il "De Aetna" di Pietro Bembo, opera minore dal punto di vista letterario, ma memorabile soprattutto per l'eleganza del carattere romano appositamente inciso da Francesco Griffo e destinato a prendere in seguito il nome di Bembo. Fu preso a modello, perfezionandolo, il tondo ideato da Nicholas Jenson, tenendo conto degli studi del tempo sulle proporzioni, e divenne un riferimento per ogni futuro ideatore di caratteri. A esso si ispirarono tutte le principali serie romane successive, da quelle incise da Claude Garamond nel XVI secolo a molti tipi in uso nella tipografia del XX secolo.
Manuzio pubblicò poi nel 1499 l’Hypnerotomachia Poliphili, sulla cui attribuzione al domenicano Francesco Colonna si continua a dibattere: quest’opera è considerata uno dei capolavori tipografici di tutti i tempi, soprattutto per le immagini, ricavate da 172 incisioni su legno. 
Nel 1500, nell'edizione delle Epistole di S. Caterina da Siena, Manuzio sperimentò, sia pure per le sole parole "Jesu dolce Jesu amore", il carattere corsivo: questo carattere, di cui Manuzio è da considerarsi l’inventore, è giustamente ricordato in inglese con il termine “italic”.
Il nuovo carattere corsivo si ispirava ai documenti ufficiali manoscritti, in uso nelle corti italiane del secondo Quattrocento, e si proponeva di diffonderne l’eleganza e la bellezza.
Ad Aldo Manuzio può essere inoltre dato merito di avere utilizzato per primo su larga scala il formato in ottavo, già in uso per la stampa dei soli testi religiosi e devozionali, applicandolo alla produzione dei classici.
Manuzio era del resto pienamente consapevole della rivoluzione che stava suscitando. Scrivendo a Sanuto per dedicargli l’Orazio del 1501, gli faceva notare che un libro portatile consentiva la lettura ovunque, più facilmente di un libro di grande formato.
Nelle edizioni in caratteri latini inoltre furono rilevanti le innovazioni nella punteggiatura. Con il Petrarca del 1501 e il Dante del 1502 introdusse, mutuati dal greco, la virgola uncinata, l'uso dell'apostrofo, degli accenti e del punto e virgola, accogliendo indicazioni e suggerimenti che gli provenivano dal Bembo.
Infine ricordiamo che nel giugno 1502, nel secondo volume dei "Poetae Christiani veteres", comparve la marca tipografica dell'ancora e del delfino, una prima versione della quale era già apparsa all'interno di un'illustrazione del Polifilo: la marca illustrava il motto "Festina lente".
Il 16 gennaio 1515 il Manuzio dettò a Venezia l'ultimo testamento e il 6 febbraio morì.
Alla sua morte, il suocero Andrea Torresano rimase il capo indiscusso della stamperia sino al novembre 1517: poi la direzione passò al figlio, Giovanni Francesco, che firmò  quasi tutte le prefazioni sino al 1528.Quando, con la morte di Giovanni Francesco, si aprirono vivaci contrasti tra gli eredi, la tipografia chiuse tra il  1529 e il 1533, dopo di che iniziò a emergere la figura di Paolo Manuzio.

Loading

Hai cercato:

      • (IN FINE): VENETIIS, IN AEDIBUS HAEREDUM ALDI, ET ANDREAE SOCERI, MENSE MARTIO, 1535
      • Libreria: Studio bibliografico Libri Antichi Arezzo di Massai C. (Italia)
      • Note Bibliografiche: [ 500 Aldina] (cm. 16,5) buona piena pergamena originale, semirigida con unghie e tracce di lacci. Titolo manoscritto coevo al taglio inferiore: "Lact - Firmi". -- cc. 16 nn. , cc. 328, cc. 12 nn. di cui due bianche, cc. 47 + 1 c. bianca, cc. 44 nn. Carattere corsivo con alcune parole in greco. Ancora Aldina (Flecher 9) al frontis e al verso dell' ultima carta. All' inizio epistola di G.B. Egnatio ad Antonio Trivulzio, già apparsa nella edizione del 1515 mentre nuova è la dedica di Manuzio al Benedettino Germano Minadoi. La seconda parte contiene l' " Apologeticus" di Tertulliano. Seconda e... continua a leggere

      Spese di spedizione OMAGGIO per ordini superiori a 500 €. (entro i confini nazionali)

      • (IN FINE): VENETIIS, IN AEDIBUS HAEREDUM ALDI, ET ANDREAE SOCERI, MENSE MARTIO, 1535
      • Libreria: Studio bibliografico Libri Antichi Arezzo di Massai C. (Italia)
      • Note Bibliografiche: [Aldina] (cm. 16,5) ottima mz. pergamena fine sec. XVIII, piatti marmorizzati, lievi ottimi vecchi restauri.-- cc. 16 nn. , cc. 328, cc. 12 nn. di cui due bianche, cc. 47 + 1 c. bianca, cc. 44 nn. Carattere corsivo con alcune parole in greco. Ancora Aldina (Flecher 9) al frontis e al verso dell' ultima carta. All' inizio epistola di G.B. Egnatio ad Antonio Trivulzio, già apparsa nella edizione del 1515 mentre nuova è la dedica di Manuzio al Benedettino Germano Minadoi. La seconda parte contiene l' " Apologeticus" di Tertulliano. Seconda edizione aldina ma come dice Renouard, ben superiore a... continua a leggere

      Spese di spedizione OMAGGIO per ordini superiori a 500 €. (entro i confini nazionali)

      • APUD ALDUM, 1575
      • Libreria: Studio bibliografico Libri Antichi Arezzo di Massai C. (Italia)
      • Note Bibliografiche: [Figurato Aldina] (cm.15,8) ottima solida piena pergamena XVIII secolo, tassello in pelle con titolo e fregio in oro.-- cc. 124 nn.(di cui l' ultima bianca), pp. 676, cc. 136. Con 20 xilografie n.t. di cui 7 a piena pagina + 2 tavv. f.t. ripiegate con la Spagna e la Francia. Ritratto di Aldo Manuzio al frontis con al verso grande stemma di Massimiliano II, il tutto in xilografia. Importante edizione basata sulla celeberrima del 1513. Il pregio di questa nostra stà nel fatto che i rami sono stati incisi nuovamente e pertanto si tratta di incisioni nuove: illustrano fauna, fortificazioni, sba... continua a leggere

      Spese di spedizione OMAGGIO per ordini superiori a 500 €. (entro i confini nazionali)

      • IN FINE: VENETIIS IN AEDIBUS ALDI ET ANDREAE SOCERI, MENSE SEPTEMBRI M.D.XV. 1515, 1515
      • Libreria: Studio bibliografico Libri Antichi Arezzo di Massai C. (Italia)
      • Note Bibliografiche: [ALDINA] (cm. 16) solida mz. pergamena XIX secolo con angolini.-- cc. 32 nn. + cc. 289 + cc. 51 nn. Ancora aldina al frontis e al verso dell' ultima carta (Fletcher 3). Prima ed unica edizione corredata di un doppio indice con spiegazione del testo in greco e con la dedica di G.B. Egnatio al notaio Antonio Marsilio. Seconda tiratura con al colophon "duernionem" anzichè "duerniorem". Edizione assai importante che contiene frammenti di archeologia, lessico e grammatica che altrimenti sarebbero andati perduti. E' inoltre uno degli ultimi libri stampati e rivisti da Aldo Manuzio prima della sua... continua a leggere

      Spese di spedizione OMAGGIO per ordini superiori a 500 €. (entro i confini nazionali)

      • PETRUM DE QUARENGIIS BERGOMENSEM. IX AUGUSTI 1508, 1508
      • Libreria: Studio bibliografico Libri Antichi Arezzo di Massai C. (Italia)
      • Note Bibliografiche: [Postincunabolo-Raro] (cm30) Solida piena pergamena recente con unghie. --cc.203, + 1c. bianca. Titolo in gotico, testo in romano con ampio commento che a volte lo incornicia. Molti capilettera figurati e ornati, grandi e piccoli, perlopiù a fondo nero. Prima edizione cinquecentesca in folio, dopo la celebre Aldina del 1502 in ottavo. Bellissima edizione e assolutamente molto rara. Manca a Choix, Graesse, Brunet, Moranti e a molta bibliografia consultata. Il Cesnsus Iccu registra solo 9 copie nelle biblioteche italiane. Il tipografo Quarenghi fu attivo dal 1492 al 1517 e Ascarelli-Menato ri... continua a leggere

      Spese di spedizione OMAGGIO per ordini superiori a 500 €. (entro i confini nazionali)

      • (IN FINE): J. OPORINUS 1541, 1541
      • Libreria: Studio bibliografico Libri Antichi Arezzo di Massai C. (Italia)
      • Note Bibliografiche: .REGIS GRATIA AC PRIVILEGIO AD SEPTENNIUM. Basileae, (in fine): J. Oporinus 1541.[Prima edizione-Greco] (cm.30) curioso cartonato originale con frammenti di pergamena manoscritta, doppi nervi esterni. -- cc. 6 nn., pp. 291 + 1 pag. bianca. Fregi e capilettera in xilografia. La prefazione di Heronymus Gemusaeus, è in latino, tutto il testo è in greco a piena pagina e molto elegante. Prima edizione rarissima del sec. XVI della celebre opera scientifica, botanica e medica, preceduta solo dall' edizione Aldina del 1498. Il nostro esemplare non porta al frontis il nome del Camerario e la sua pre... continua a leggere

      Spese di spedizione OMAGGIO per ordini superiori a 500 €. (entro i confini nazionali)

      • IN FINE: VENETIIS, IN AEDIBUS HAEREDUM ALDI, ET ANDREAE SOCERI, MENSE MARTIO., 1535
      • Libreria: Studio bibliografico Libri Antichi Arezzo di Massai C. (Italia)
      • Note Bibliografiche: [Aldina rara] (cm.16,8) ottima piena pergamena manoscritta, di poco posteriore, ricavata da un rogito notarile con il " Signum Tabellionis ", ben restaurata, sguardie antiche.-- cc. 78 numerate. Ancora e data al frontis, spazi per capitali con letterina guida, colophon a carta 78 che è bianca al verso. Terza edizione veramente rara, con il testo identico alle due precedenti del 1501 e 1515, che esaurirono subito e per ciò ne fu fatta questa nuova impressione nel 1535 con al colophon la scritta " In aedibus haeredum aldi." anzichè: " in aedibus aldi.". E' questa una delle opere più antiche i... continua a leggere

      Spese di spedizione OMAGGIO per ordini superiori a 500 €. (entro i confini nazionali)

      • COMIN DE TRINO DE MONFERRATO, 1547
      • Libreria: Studio bibliografico Libri Antichi Arezzo di Massai C. (Italia)
      • Note Bibliografiche: [Politica-Economia-Siena] (cm21) bella piena pergamena sec. XVII. Nervi e titolo manoscritto al dorso, tagli marmorizzati. -- cc. 14 nn., cc. 206. Bellissimo frontis figurato allegorico in xilografia. Capilettera figurati, elegante corsivo. Edizione originale di questa opera sullo stile del principe del Macchiavelli.Tradotta da Giovanni Fabrini da Figline. Oltre alle doti morali, politiche ed economiche del principe, tratta di teatro, musica, ginnastica, gioco della palla, caccia, scacchi, matematica, cosmografia, agricoltura ecc. Una seconda edizione apparve nel 1553 per opera di Paolo Man... continua a leggere

      Spese di spedizione OMAGGIO per ordini superiori a 500 €. (entro i confini nazionali)

    Desiderata

    Desiderata

    Salva la tua ricerca, la cercheremo gratuitamente per te! Clicca qui!