Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente.
Leggi l'Informativa Cookie Policy completa.

Sei in possesso di una Carta del Docente o di un Buono 18App? Scopri come usarli su Maremagnum!

Libros antiguos y modernos

Frances Beer

Guerriera e amante. Le grandi mistiche del Medioevo

ECIG Edizioni Culturali Internazionali Genova 1993,

18,50 €

Medievale Libreria

(Pavia, Italia)

Habla con el librero

Formas de Pago

Detalles

ISBN
9788875455729
Autor
Frances Beer
Editores
ECIG Edizioni Culturali Internazionali Genova 1993
Materia
Religione-Misticismo

Descripción

240 pagine. Brossura. Collana: Nuova Atlantide. VOLUME IN BUONE CONDIZIONI, UNA PIEGA IN COPERTINA. Commento dell'editore: Tre donne, tre mistiche, tre personalità profondamente diverse - Matilde di Magdeburgo, Ildegarda di Bingen, Giuliana di Norwich -. Nel panorama della letteratura femminile medievale tali singolari figure vanno ad inserirsi nel contesto delle grandi correnti della spiritualità religiosa, che animarono tale periodo, e di quelcomplesso culturale, che tentava di far confluire in una visione unitaria, o perlomeno in un unicumomogeneo, la tradizione neoplatonica, lo studio dei classici e l'interpretazione filosofica dei testi biblici. Per meglio comprendere queste maîtres à penser al femminile, dobbiamo osservare la durezza e la realtà di quell'ambiente storico, imposto da una selezione culturale tutta maschile", laddove la vis profetica - che si libera incarnandosi nella parola scritta - diede loro la sicurezza intellettuale di fronteggiare le accanite resistenze umane e il coraggio di perseverare nella vocazione mistico-letteraria. Nella comune aspirazione al Cielo, ognuna manifesta una diversa identità femminile: Ildegarda delinea l'aspetto femminile dell'Ecclesia e della Sinagoga; Matilde eleva la Vergine a uno status divino; Giuliana intuisce il lato materno di Dio. Frances Beer analizza, inoltre, le opere di due mistici medievali che, attraverso i loro scritti, ci permettono di comprendere la cultura profondamente antifemminile di quei tempi."